Il Parco Agrisolareconviene davvero

Approfitta del contributo a fondo perduto per realizzare un impianto fotovoltaico
nel settore agricolo e agroindustriale

Parco Agrisolare, di cosa parliamo?

Si tratta del contributo a fondo perduto per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.

L’investimento vuole favorire interventi per l’autosufficienza energetica del settore agricolo e agroalimentare. Con questo nuovo decreto sono state attuate delle modifiche sostanziali il cui obiettivo è quello di migliorare la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e suscitare l’interesse di un numero maggiore di agricoltori rispetto alla prima tornata, che ha coinvolto 7.000 imprese, chiusa a ottobre 2022.

A chi si rivolge?

Imprese agricole individuali

Imprese agroindustriali

Imprese agricole societarie

Cooperative agricole

A quanto ammonta il contributo?

In aumento la quota di fondo perduto:

  • 80% per le aziende della produzione agricola primaria che fanno autoconsumo o autoconsumo diffuso (700 milioni di euro a disposizione);
  • 50/40/30% per gli investimenti delle aziende della produzione agricola primaria, senza il vincolo di autoconsumo e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato (75 milioni di euro a disposizione);
  • 80% per le aziende del settore della trasformazione di prodotti agricoli, senza il vincolo di autoconsumo e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato (150 milioni di euro a disposizione);
  • 50/40/30% per il settore della trasformazione di prodotti agricoli in non agricoli, senza il vincolo di autoconsumo e possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato (75 milioni di euro a disposizione).

Per le categorie con contributo massimo del 50%, l’intensità di aiuto può aumentare del 15% per investimenti effettuati nelle zone svantaggiate. Un importo pari almeno al 40% delle risorse totali disponibili è destinato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Quali sono i massimali di spesa?

L’intervento principale incentivato con Parco Agrisolare è l’installazione di impianti fotovoltaici con potenza di picco tra 6 e 1000 kWp. Questa è la prima sostanziale modifica introdotta dato che nel precedente bando la taglia massima incentivabile dell’impianto era di 500 kWp. Le altre principali novità del nuovo decreto sono:

  • la spesa massima ammissibile per il fotovoltaico è 1.500,00 €/kWp;
  • la spesa massima ammissibile per i sistemi di accumulo aumenta da 1.000,00 €/kWh fino a 100.000,00 €;
  • la spesa massima ammissibile per i dispositivi di ricarica aumenta a 30.000,00 €;
  • demolizione e ricostruzione delle coperture fino a un limite massimo ammissibile di 700,00 €/ kWp;
  • sarà possibile calcolare il fabbisogno di energia termica complessivo dell’impresa senza il vincolo dell’autoconsumo di energia elettrica;
  • per tutti gli interventi sono ammissibili, nei limiti massimi indicati, le spese di progettazione, asseverazioni ed altre spese professionali richiesta dal tipo di lavori, comprese quelle relative all’elaborazione e presentazione dell’istanza, direzione lavori e collaudi, se prestate da soggetti esterni all’impresa.

Interventi ammessi

Verranno finanziati acquisto e posa in opera di pannelli fotovoltaici sui tetti di fabbricati strumentali all’attività dei soggetti interessati e tutti gli interventi di riqualificazione ai fini del miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture.
Tra gli interventi ammissibili rientrano in aggiunta: la rimozione e lo smaltimento dell’amianto, l’isolamento termico dei tetti e la realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto. È ammessa inoltre la bonifica dall’amianto anche su superfici più ampie rispetto a quelle dell’installazione degli impianti fotovoltaici.

Modalità di erogazione

Il contributo sarà erogato in un’unica soluzione a conclusione dell’intervento, ma secondo quanto riportato nel decreto, sarà possibile chiedere e ottenere un anticipo del 30% dell’importo nei limiti della disponibilità economica. Le risorse verranno assegnate secondo l’ordine cronologico di ricevimento delle domande.

AGRISOLARE ENESCO

Scopri tutti i vantaggi nella brochure

Scarica

Parco Agrisolare: come aderire al bando?

Scegli Enesco per scoprire come accedere al bando e per realizzare il tuo parco agrisolare: compila il form per essere ricontattato.

    Parco Agrisolare: come aderire al bando?

    Scegli Enesco per scoprire come accedere al bando e per realizzare il tuo parco agrisolare: compila il form per essere ricontattato.