Il Decreto Superbonus modifica il Bonus Barriere Architettoniche 2024 con nuove restrizioni.

Il recente Decreto Superbonus n.212, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2023, ha scosso il settore delle costruzioni con modifiche significative, tra cui una ridefinizione sostanziale del Bonus Barriere Architettoniche 2024 nell’art.3 del DL 212/2023.

Eliminazione delle Agevolazioni per Infissi e Bagni

Una delle modifiche più rilevanti riguarda l’eliminazione della possibilità di utilizzare il Bonus Barriere Architettoniche 75% per la sostituzione di infissi e la ristrutturazione dei bagni. In precedenza, l’Agenzia delle Entrate aveva interpretato la norma in modo favorevole, ma ora tale opzione è stata cancellata, limitando l’applicazione del bonus solo all’adeguamento di scale, ascensori e altre strutture simili.

Cancellazione del Bonus per l’Automazione degli Impianti

Il Decreto Superbonus va oltre, abrogando il comma 3 dell’art.119-ter del Decreto Rilancio, eliminando la possibilità di utilizzare il Bonus Barriere Architettoniche 2024 per interventi di automazione degli impianti. Ciò include anche la rinuncia alla possibilità di recuperare le spese di smaltimento e bonifica dei materiali degli impianti sostituiti.

Nuove Limitazioni per la Cessione del Credito

Le regole per la cessione del credito e lo sconto in fattura subiscono ulteriori restrizioni a partire dal 2024. La cessione del credito o lo sconto in fattura sarà applicabile solo alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2023 per interventi sulle parti comuni nei condomini con prevalente destinazione abitativa. Per le unità abitative private in edifici plurifamiliari, la cessione del credito o lo sconto in fattura sarà consentita solo in determinate circostanze legate al reddito del proprietario o alla presenza di un disabile con legge 104 nel nucleo familiare.

Prospettive per i Lavori Già Avviati

Per i lavori già in corso prima del 30 dicembre 2023, sarà possibile utilizzare il Bonus Barriere Architettoniche 2024 con cessione del credito o sconto in fattura solo se è stata presentata la richiesta del titolo abitativo quando necessario. Per gli interventi di edilizia libera con lavori non ancora iniziati, sarà valido solo un contratto tra le parti con versamento di un acconto.

Il Bonus Barriere Architettoniche 2024 subisce importanti cambiamenti a seguito del Decreto Superbonus, influenzando notevolmente le opzioni di detrazione fiscale e incentivazione per gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche.

Presto sarà chiaro come queste modifiche impatteranno sul futuro dell’ edilizia.